Malattia Diverticolare

thumb

Malattia Diverticolare

 

Cos’è

I diverticoli sono piccole estroflessioni mucose della parete del colon che si formano progressivamente in soggetti predisposti che conducono un regime dietetico con scarso apporto di fibre alimentari (frutta, verdura).
 
Questi diverticoli hanno le dimensioni di pochi millimetri e dopo essersi formati non possono più regredire.

Secondo recenti stime epidemiologiche, circa il 50% della popolazione può presentare dei diverticoli del colon anche se questi rimangono asintomatici nella maggior parte dei casi (diverticolosi). Possono altresì dare sintomi quali dolori addominali e altelimentari (frutta, verdura).osti che conducono un regime dietetico arazioni dell’alvo (malattia diverticolare) e, in una percentuale più bassa di casi, andare incontro a complicanze gravi (emorragia, infiammazione, perforazione).
 

Presentazione della malattia

In alcuni casi il riscontro della presenza di diverticoli è accidentale durante l’esecuzione di una colonscopia.

I diverticoli possono andare incontro ad infiammazione e determinare una diverticolite che solitamente determina dolore, febbre ed alterazione dell’alvo.
 

Nelle diverticoliti acute gravi con perforazione intestinale e fuoriuscita di materiale fecale, la presentazione clinica può essere una peritonite con quadro di infezione sistemica grave.

Il sanguinamento rappresenta un’altra complicanza dei diverticoli (rettorragia) ed è causata dalla erosione dei piccoli vasi della parete del colon in prossimità del diverticolo stesso.
 

Nelle diverticolosi di lunga data ci può essere un’alterazione dell’alvo con stipsi ingravescente determinata da una stenosi (restringimento) del tratto di colon interessato dalla patologia, come conseguenza dei ripetuti insulti infiammatori acuti o subacuti.
 

Diagnosi

Nella malattia diverticolare la diagnosi può essere fatta in modo occasionale durante colonscopia o clisma opaco (radiografia eseguita con mezzo di contrasto iniettato per via transanale).
 
Nelle forme di diverticoliti acute è quasi sempre necessario eseguire una TC dell’addome per stabilire lo stadio di malattia (classificazione di Hinchey) e pianificare il trattamento più corretto.
 

Trattamento

  • La malattia diverticolare senza episodi di diverticolite non necessita di alcun tipo di trattamento. È molto importante seguire un regime alimentare con adeguato apporto di fibre.
  • La diverticolite va trattata in base alle modalità ed alla gravità dell’esordio. Nei casi meno severi, sarà sufficiente una terapia antibiotica adeguata (oppure, ove indicato, il drenaggio di voluminose raccolte ascessuali mediante guida ecografica o TC), mentre negli stadi avanzati può essere necessario un drenaggio-lavaggio della cavità peritoneale in laparoscopia per bonificare la zona infetta o una resezione intestinale in regime di urgenza (con alta probabilità di stomia temporanea).
  • Quando l’episodio di diverticolite acuta regredisce con terapia medica, la decisione di procedere o meno ad intervento chiurgico in regime di elezione verrà presa sulla base di diversi parametri (età del paziente, numero di episodi pregressi di diverticolite, stadio di presentazione della malattia in fase acuta) e valutata caso per caso. Indicazione assoluta all’intervento è rappresentata dalla stenosi diverticolare.

 

Quali modalità per eseguire l’intervento chirurgico e quali vantaggi

  • L’intervento chirurgico può essere eseguito a cielo aperto o con le più moderne tecniche cosiddette “mini-invasive”.
  • La chiurgia laparoscopica permette di eseguire l’intervento con delle incisioni più piccole (pochi centimetri) che garantiscono una rapida ripresa funzionale (mobilizzazione, canalizzazione, alimentazione) e riduce notevolmente il dolore postoperatorio. Ciò si traduce in una degenza ospedaliera più breve ed in un più rapido ritorno alle attività quotidiane.